Polaroid SLR680 – Cambio Pelle Skin Cover Replacement

La SLR680 è stato il modello di punta prodotto da Polaroid nel lontano 1982, dopo la famosa SX-70. Si tratta di una reflex autofocus (sonar), che impiega pellicola di tipo 600. Dopo anni di utilizzo, è inevitabile che la copertura si deteriori e necessiti di essere sostituita. Così è successo al mio esemplare: ho deciso quindi di effettuare il restauro e rimetterla completamente a nuovo.

Asportazione del vecchio rivestimento

La fase più noiosa e delicata consiste nell’eliminare il rivestimento originario. Questa operazione, lunga e delicata, va effettuata con calma e senza fretta. Il rivestimento, con il passare degli anni, si opacizza e tende a sbriciolarsi, come si vede dalle immagini, dove è già stato parzialmente eliminato.

Per la rimozione ho utilizzato una spatola in metallo e un cutter. Prestare la massima attenzione a non danneggiare la fotocamera nelle sue parti più delicate come ad esempio il soffietto.

Protezione delle parti aperte con nastro di carta

Al fine di evitare che polvere e residui del rivestimento penetrino all’interno della fotocamera, ho utilizzato nastro di carta (da carrozzieri) per proteggere gli spazi aperti.

Al termine della rimozione rimarranno sicuramente residui di colla e di rivestimento. Per eliminarli non impiegare solventi o prodotti simili, ma soltanto uno straccio e dell’alcool. Altri prodotti potrebbero intaccare la plastica e rovinare irrimediabilmente la Polaroid.

Fondo con attacco cavalletto della Polaroid SLR680

Dopo tanta pazienza e olio di gomito, il risutato finale deve essere questo. La vostra SLR680 nuda e perfettamente pulita.

La SLR680 pronta per il nuovo rivestimento in vera pelle
La SLR680 perfettamente ripulita e pronta per la nuova skin

Giunti a questa fase possiamo iniziare a rivestire la nostra preziosa Polaroid. Dopo alcune ricerche sul web e verifiche con colleghi, ho optato per acquistare un rivestimento nero in vera pelle.

Rivestimento in vera pelle nera autoadesivo

Ho acquistato direttamente dal produttore giapponese aki-asahi
Il costo, comprensivo di spedizione, per un rivestimento in vera pelle tagliata con il laser, è di 25 dollari. Se volete spendere meno, ma lo sconsiglio, ci sono i rivestimenti in finta pelle, praticamente plastica a buon prezzo. Trascorsi circa 10 giorni, è arrivata la busta contenente il rivestimento del colore da me prescelto (nero). Non è necessario utilizzare colla, è sufficiente staccare la parte interessata e riposizionarla con precisione nella SLR680. Le parti sono perfettamente rifinire e tagliate esattamente a misura.

Posizionamento delle parti adesive in vera pelle

Il restauro si conclude premendo adeguatamente il rivestimento al fine di farlo aderire correttamente al corpo macchina. A questo punto abbiamo terminato il nostro lavoro e la nostra SLR680 sembrerà uscita dalla fabbrica.

SLR680 come nuova

Per ulteriori informazioni potete contattarmi direttamente oppure iscrivervi alla newsletter per rimanere sempre aggiornati!

Taratura Fine autofocus AF Reflex

Questo breve articolo mostra come sia indispensabile, e di facile realizzazione, verificare la corretta taratura del complesso reflex+obiettivo, al file di ottenere la massima qualità di messa a fuoco durante le nostre sessioni fotografiche.

Come prima cosa è necessario procurarsi una dima di test (può andare bene anche un foglio di giornale).  Io ho utilizzato questa (la potete scaricare qui): Focus Calibration Chart

Una volta ritagliata e incollata su un supporto rigido (cartoncino o poliplat) si ottiene questo oggetto, che utilizzeremo per tarare la nostra attrezzatura fotografica, Reflex + Obiettivo AF):

Disporre in ASSE, a una distanza di circa 1 / 1,5mt ( a seconda della focale che stiamo utilizzando) la nostra Reflex (posta su cavalletto) e la dima di test.  Impostare l’autoscatto (minimo 5 secondi), al fine di evitare ogni tipo di vibrazione e utilizzare un diaframma di UNO stop più chiuso della massima apertura disponibile (se l’obiettivo è ad esempio un 85mm f1.8 lo impostiamo a f2.8).

Puntiamo il bersaglio e scattiamo,  verificando successivamente quali numeri della dima sono correttamente a fuoco (se tutto OK, lo “zero” sarà la parte più leggibile).

In questo caso il test è terminato.  Tutto funziona perfettamente.

Qualora così non fosse, è necessario modificare i parametri della reflex.  Nel mio caso, utilizzando reflex NIKON, è sufficiente entrare nel menu IMPOSTAZIONI – REGOLAZIONE FINE AF- REGOLAZIONE FINE AF (si/no) = ON e operare secondo quanto segue:

Se la messa a fuoco è DIETRO il punto corretto di fuoco (perdonatemi le espressioni poco tecniche), regolare il cursore con valori negativi (-).   Se la messa a fuoco è DAVANTI il punto corretto di fuoco, regolare il cursore con valori positivi (+), vedi foto sopra.

I valori vengono memorizzati dalla fotocamera, quindi se l’opzione REGOLAZIONE fine AF è ATTIVA, ogni volta che cambiamo obiettivo (principalmente se dello stesso produttore), la macchina lo riconoscerà e utilizzerà automaticamente i corretti parametri di taratura AUTOFocus precedentemente salvati.